lunedì 15 giugno 2009

SI AL REFERENDUM DEL 21 GIUGNO


Domenica 21 giugno gli italiani saranno chiamati ad esprimere il proprio voto per il referendum abrogativo riguardante la legge elettorale 270/2005, detta anche “legge Calderoli”. Il Partito Democratico di Santa Maria a Vico, discutendo e confrontandosi al proprio interno, ha deciso di seguire la linea indicata dal segretario nazionale Franceschini di optare per il SI per tutti e tre i quesiti referendari. Urge, però, la necessità di spiegare in cosa consistano le modifiche alla legge che si apporterebbero in caso di raggiungimento del quorum e di vittoria del SI. I primi due quesiti (modulo rosso e modulo bianco) riguardano il premio di maggioranza alla lista più votata. Si voterà per modificare i commi 2 e 4, rispettivamente degli articoli 83 e 17 della legge elettorale che prevedono, attualmente, il premio di maggioranza anche a coalizioni o apparentamenti di partiti. In caso di vittoria del SI, il premio di maggioranza andrà solo ad una lista rappresentante un partito, il che spingerebbe gli attuali soggetti politici a perseguire, sin dalla fase preelettorale, la costruzione di un unico raggruppamento, rendendo impraticabili soluzioni equivoche ed incentivando una significativa ristrutturazione del sistema partitico. Si aprirebbe, per l’Italia, una prospettiva tendenzialmente bipartitica, con conseguente eliminazione della frammentazione dentro le coalizioni. Il primo quesito prevede l'eliminazione di questa pratica per la Camera ed il secondo per il Senato. Il terzo quesito (modulo verde), invece, mira a colpire l’ulteriore aspetto di scandalo rappresentato dalle candidature multiple e dalla cooptazione oligarchica della classe politica. Votare SI significherebbe eliminare questa pratica che induce inevitabilmente ad atteggiamenti di sudditanza e di disponibilità alla subordinazione dei cooptandi, atteggiamenti che danneggiano fortemente la dignità e la natura della funzione parlamentare. Il PD di Santa Maria a Vico invita a votare SI per tutti i quesiti ed invita, inoltre, chi volesse confrontarsi ed informarsi maggiormente sull'argomento a partecipare all'incontro di giovedì 18 giugno, alle ore 20 presso la sezione cittadina, cui sono stati invitati anche i segretari di tutti i partiti locali, centrodestra e centrosinistra, per un confronto chiaro ed aperto.

Nessun commento:

YouDem

Yes, We Can - Barack Obama